Il report 2017 dell’attività operativa contro frodi, fenomeni di italian sounding e contraffazioni

Online i numeri dei controlli Icqrf

Martina: "Numeri che dimostrano il ruolo guida dell'Italia sul fronte dei controlli"

Pubblicato sul sito Mipaaf il Report 2017 dell’attività operativa Icqrf contro frodi, fenomeni di italian sounding e contraffazioni: nel complesso sono stati svolti 40.857 controlli ispettivi e 12.876 campioni analizzati e, di questi, circa ⅓ hanno riguardato il settore vitivinicolo. Sul fronte sanzionatorio, nel solo comparto vitivinicolo sono state trasmesse all’Autorità Giudiziaria 111 notizie di reato ed emesse 1.964 contestazioni amministrative così come - in un trend crescente a seguito dell’attuazione del DL Campolibero - 1.525 diffide, strumento che, in caso di irregolarità di carattere formale e sanabili, consente agli operatori di regolarizzare la propria posizione.
Tra i principali illeciti accertati vi è la commercializzazione di vini Dop e Igp non conformi ai requisiti stabiliti dai disciplinari di produzione, la detenzione di prodotti vitivinicoli non giustificati dalla documentazione di cantina e violazioni delle regole in materia di designazione e presentazione dei vini, sia generici che territoriali.
Pubblicati anche i dati dei controlli svolti a tutela del Made in Italy, sia a livello internazionale che sul web, rafforzati grazie alla cooperazione con Alibaba, Ebay ed Amazon: si tratta di 605 casi di contraffazione accertati solo nel 2017, di cui 229 relativi al solo Prosecco Doc, tra i prodotti più contraffatti insieme al vino Asti Docg.
"Questi numeri dimostrano il ruolo guida dell'Italia sul fronte dei controlli", ha affermato il ministro Maurizio Martina, precisando inoltre che "siamo i primi in Europa e all'avanguardia sul web, dove siamo in grado di rimuovere i falsi prodotti di qualità certificata dagli scaffali virtuali delle piattaforme e-commerce".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome