Cos'è la mineralità?

L'uso del termine mineralità tra i descrittori sensoriali dei vini richiama a caratteri di qualità ed evoca un collegamento con le caratteristiche del suolo. La diffusione del termine è andata crescendo negli ultimi anni nella terminologia e nel lessico utilizzato da assaggiatori e professionisti. Tuttavia il suo significato sensoriale non è del tutto chiaro. Lo studio condotto da un gruppo di ricercatori francesi della regione della Borgogna ha avuto lo scopo di comprendere come gli esperti concepiscano il carattere di mineralità e se vi sia consensualità nel suo giudizio. Il metodo ha previsto un test di ordinamento di campioni valutati olfattivamente per via nasale diretta e per via retronasale. I risultati hanno messo in evidenza che gli assaggiatori esperti manifestavano un forte disaccordo in entrambe le condizioni di valutazione. Per ogni condizione di assaggio si sono creati tre diversi gruppi, ciascuno dei quali considerava minerali vini con caratteristiche completamente diverse, tanto da non permettere alcuna generalizzazione sul significato sensoriale di mineralità. Al contrario, le risposte date dagli stessi esperti nel questionario dove si chiedeva loro di descrivere il concetto sensoriale di mineralità presentavano elementi comuni, a confermare una forma di idiosincrasia nell'uso di questo termine, per il quale è stata così dimostrata l'assenza di una definizione sensoriale univoca e significativa. Articolo originale: J. Ballester, M. Mihnea, D. Peyron, D. Valentin. Exploring minerality of Burgundy Chardonnay wines: a sensory approach with wine experts and trained panellists, Australian Journal of Grape and Wine Research, June 2013, 19 (2) 140-152 Abstract a cura di Alessandra Biondi Bartolini

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome