L'enologo Giuseppe Meglioli sull'analizzatore di ossigeno della Nomacorc

Con Nomasense una migliore gestione della shelf life del vino

"Strumento fondamentale in cantina"

La gestione dell’ossigeno nel vino è un parametro sempre più determinante per la produzione di vini d’eccellenza. Per questo Nomacorc, azienda leader nel mercato delle chiusure per i vini, da anni porta avanti programmi di ricerca su questa tematica, supportati da collaborazioni con diverse Università internazionali e da puntuali verifiche in cantina. Un esempio di questo impegno è il Nomasense, l’analizzatore di ossigeno, proposto da Nomacorc e presente sul mercato in due versioni. Nomasense consente di  valutare in modo rapido i livelli di dissoluzione dell’ossigeno nel vino. Lo strumento fornisce una lettura facile e diretta della concentrazione di ossigeno disciolto nel vino e della quantità di ossigeno allo stato gassoso presente, ad esempio, nello spazio di testa di una bottiglia. Il metodo si basa su un’avanzata tecnologia a luminescenza che consente una quantificazione precisa e non distruttiva del tenore di ossigeno. “Come enologo sono molto soddisfatto delle performance del Nomasense, perché a tutti gli effetti dà una risposta immediata a molte domande che mi ponevo sull’ossigeno nel vino e quindi riesco a interpretare meglio l’interazione dell’ossigeno con il vino“. Così il docente ed enologo Giuseppe Meglioli racconta la sua esperienza nell’utilizzo dell’analizzatore. “Riuscire a mantenere un vino fresco e fruttato nel tempo è molto importante – prosegue Meglioli – ed è rilevante conoscere i parametri che incidono maggiormente sulla shelf life del prodotto: l’ossigeno è uno dei più importanti. Evitare l’insorgenza di fenomeni quali l’ossidazione o la riduzione nel vino, significa che il consumatore si troverà a degustare un vino con un profumo più  franco e fragrante, che è, da sempre l’obiettivo dell’enologo: conservare e controllare l’evoluzione al meglio del vino“. “Il Nomasense – aggiunge l’enologo – viene utilizzato in tutte le operazioni di cantina in cui si ha la necessità di sapere cosa fare in funzione della quantità di ossigeno presente: a tale scopo l’ossigeno disciolto viene misurato in pigiatura per verificare se nel mezzo è presente la quantità necessaria per terminare la fermentazione alcolica; dopo la fermentazione viene invece misurato per valutare se il vino è in carenza di ossigeno per la sua evoluzione, consentendo all’enologo di intervenire con un’ossigenazione adeguata ma soprattutto  di precisione nel vino”.

Con Nomasense una migliore gestione della shelf life del vino - Ultima modifica: 2014-09-23T12:45:50+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome