I dati pubblicati da Sinab

Cresce il vigneto bio in Italia

Nel 2012 ha raggiunto 57.347 ettari, segnando un +9% rispetto al 2011

"Continua in Italia, lenta ma inarrestabile, la crescita delle superfici vitate coltivate con il metodo dell'agricoltura biologica. Nel 2012, in base ai dati Sinab, hanno raggiunto 57.347 ettari, segnando un +9% rispetto al 2011. Sud e isole, che assommano quasi 34.900 ettari, finiscono per rappresentare il 61% dei vigneti bio italiani. In particolare, la Sicilia, con 16.100 ettari, incide per una quota del 28% e la Puglia, con quasi 10.200, per il 18%. In terza posizione, invece, figura una regione del Centro-Nord, la Toscana, con  i suoi 5.900 ettari e una quota del 10%". Così Franca Ciccarelli in un articolo pubblicato su PianetaPSR.it il 25 Ottobre 2013, che sottolinea anche che "Un deciso impulso alla coltivazione dell'uva da vino bio, nell'ultimo anno, è venuto dalla nascita di una nuova categoria di prodotto certificato, quella del "vino biologico". Definendo i prodotti enologici e i processi autorizzati nella vinificazione, il regolamento (CE) n. 203 del marzo 2012 ha infatti concesso di estendere la certificazione dalla materia prima (uva da vino) al prodotto trasformato, permettendo anche a quest'ultimo di fregiarsi del caratteristico logo". "Ma di fatto quanto vino bio si produce oggi in Italia, ovvero quanto vino riesce a fregiarsi della foglia su sfondo verde?", si domanda ancora l'autrice dell'articolo, che così si risponde: "Impossibile dirlo perché, come per i tutti i prodotti trasformati, non esiste un sistema di raccolta dei dati. In ogni caso il fenomeno è ancora agli inizi. La dizione di "vino biologico", infatti, è applicabile dalla vendemmia 2012 e dunque, presumibilmente, per i vini commercializzati a partire dal 2013 (anche se in deroga possono fregiarsi di questa denominazione e del logo corrispondente i vini prodotti negli anni precedenti purché già sotto controllo degli enti certificatori e comunque rispondenti ai requisiti del nuovo regolamento)". Leggi qui l'articolo completo 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome