Risorse esauribili preservate e garantite nel tempo, valori fondiari tra i più alti e stabili in Italia

Soave: il vigneto a presidio del territorio

Lorenzoni: "Nella nostra denominazione preservare l’integrità ambientale premia economicamente"
Sostenibilità economica del sistema, sensibilità ambientale, responsabilità dei produttori, sviluppo della multifunzionalità sono i valori che caratterizzano oggi il comprensorio del Soave, alla luce dei dati produttivi e di valore dell'ultima annata.
Il vigneto Soave è infatti sempre più presidio del territorio. Se nel tempo la superficie agricola utilizzata in Veneto è drasticamente diminuita, nella zona di produzione del Soave il territorio ed il paesaggio, in qualità di risorse esauribili, sono state preservate e garantite nel tempo. Questo quanto emerso a Lonigo, alla Cantina dei Colli Berici del Gruppo Collis, in occasione della recente presentazione del Consuntivo della Vendemmia 2013, voluto da Regione Veneto, Veneto Agricoltura ed Avepa. "Le imprese vinicole – ha evidenziato Franco Manzato, assessore regionale all’agricoltura – hanno oggi una doppia responsabilità: quella di produrre reddito e quella di presidiare il territorio". In base ai censimenti realizzati tra il 1979 ed il 2010, In Italia la superficie agricola utilizzabile è diminuita del 28%, pari ad una perdita di 5 milioni di ettari. Un trend che accomuna anche altri Paesi, tra cui la Francia, dove nella zona del Beaujolais negli ultimi dieci anni è andato perso il 38% dei vigneti. Nella stessa provincia di Verona, negli ultimi 40 anni, la pressione urbanistica ha eroso 25.000 ettari. In netta controtendenza si pone il comprensorio produttivo del Soave: qui infatti è costante, ed i certuni casi in crescita, la superficie coltivata a vigneto. Il valore complessivo della denominazione del Soave, declinato in valore economico, territoriale e sociale, è ben definito nei numeri.
Distintività, efficienza, coerenza produttiva sono i motivi che consentono ai valori fondiari  del Soave di rimanere tra i più alti e stabili in Italia, anche in contesti di mercato non sempre favorevoli. Oggi un ettaro di vigneto iscritto alla DOC Soave vale dai 200.000 ai 230.000 euro. Cifre che moltiplicate per i quasi 7000 ettari di vigneto specializzato danno la dimensione del valore economico di questo comprensorio, con la più alta concentrazione viticola d’Italia: il comune di Monteforte ha oltre il 95% della superficie agricola investita a vigneto specializzato. Seguono Soave, Colognola, Montecchia e Roncà con percentuali che superano l'80%. "In base allo studio sullo stato della denominazione, recentemente presentato dal Consorzio del Soave -  sottolinea il direttore Aldo Lorenzonipossiamo affermare con soddisfazione che nella nostra denominazione preservare l’integrità ambientale premia economicamente. L’impegno nella tutela e nella valorizzazione del nostro territorio, oltre ad avere una chiara valenza etica, oggi si conferma infatti un ottimo investimento. Musei del vino, agriturismi, centri di accoglienza, campeggi, agri asili, maneggi, percorsi guidati, punti panoramici e di ristoro, centri congressi, stanno qualificando in senso multifunzionale una realtà che fino a pochi anni fa aveva nella produzione di uva e vino l'unica fonte di reddito. Questi sono i presupposti perché il Soave continui ad essere presidio del territorio e garanzia del reddito e della qualità della vita».
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome