Rinnovato il cda del Consorzio Tutela

Valcalepio: spazio ai giovani e alla rappresentatività territoriale

La presentazione del volume "Valcalepio. Il Vino dei Bergamaschi"

Siamo molto soddisfatti di quanto emerso dal voto dell’assemblea dei soci” ha commentato il Presidente uscente del Consorzio Tutela Valcalepio, Enrico Rota, dopo le votazioni svoltesi martedì 29 aprile 2014 presso la sala Spazio Viterbi nel Palazzo della Provincia di Bergamo. “Il nuovo Consiglio di Amministrazione è all’insegna del rinnovamento ma anche, e soprattutto, della continuità per quel che riguarda gli obiettivi da perseguire” ha continuato Rota, “dei 13 consiglieri uscenti 9 sono stati riconfermati e molte sono le novità”. Due le novità che saltano all’occhio: il rinnovamento generazionale intrapreso con l’ingresso di nuove forze sotto la soglia dei 40 anni e l’ampia rappresentatività geografica del nuovo Consiglio di Amministrazione. In consiglio trova ora spazio tutto il territorio del Valcalepio: da Pontida ad Almenno, da Scanzorosciate a Torre de’ Roveri, da Castelli Calepio a Villongo”. Nel corso dell’assemblea dei soci, inoltre, è stato presentato ufficialmente il volume Valcalepio. Il Vino dei Bergamaschi realizzato dal Consorzio Tutela Valcalepio in collaborazione con la Provincia di Bergamo. Un progetto editoriale “che si è posto l’obiettivo di raccontare la nascita di un vino che si è rivelato essere un fenomeno aggregativo importante” nelle parole del direttore del Consorzio, l’enologo Sergio Cantoni, autore di una parte del testo scritto in collaborazione con Giuditta Bolognesi e Giovanna Cattaneo. Il volume, redatto in doppia lingua Italiano e Inglese, si propone di ripercorrere gli oltre 35 anni della DOC di Bergamo attraverso il ricordo e la testimonianza di personaggi fondamentali dell’enologia bergamasca.  

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome