Avviato un interessante studio

Esistono discriminazioni nel settore vitivinicolo?

Collis Veneto Wine Group scelto per il settore agroindustria

Sarà presentato durante Vinitaly, martedì 9 aprile alle ore 11, negli spazi del Consorzio di tutela del Soave, padiglione 5 - stand G 4-7 e F 7, il primo studio sulla presenza delle discriminazioni di genere, età, etnia, cultura, nel mondo vitivinicolo, promosso dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Unar, l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali.
Il progetto fa parte di un bando nazionale che ha selezionato 5 differenti ambiti produttivi, tra i quali Collis Veneto Wine Group è stato scelto per il settore dell’agroindustria.
Lo scopo dello studio, che è appena stato avviato, è di individuare ogni forma di discriminazione in ogni area di produzione e gestione della filiera vitivinicola, coinvolgendo non solo le cantine fondatrici di Collis Veneto Wine Group (Cantina di Colognola ai Colli e Cantine dei Colli Berici), ma anche le partecipate del Gruppo. Prenderanno parte allo studio quindi anche Cantine Riondo, Casa vinicola Sartori e Cielo e Terra. In totale saranno coinvolti circa 350 lavoratori, tra personale stabile e stagionale.
La seconda fase del progetto prevede poi una fase di formazione, che si baserà sugli eventuali punti critici emersi dall’analisi delle criticità. Lo scopo è di far acquisire ai lavoratori e alle figure di responsabilità le buone pratiche di prevenzione, di gestione dei conflitti e di acquisizione di capacità per rendere le diversità una risorsa positiva.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome