Sminuzzate le radici fino ad una profondità di qualche centimetro

Grasskiller di CAFFINI, acqua in pressione contro le infestanti

Utilizzabile acqua a temperatura ambiente

La rivoluzionaria attrezzatura Grasskiller di Caffini consente la distruzione delle erbe infestanti nelle aree interfilari di vigneti e frutteti, con il solo utilizzo dell’acqua ad altissima pressione. Grasskiller è composta da una pompa a 1000 bar, un serbatoio d’acqua ed un una testa rotante laterale, azionata da un motore idraulico, sulla quale sono fissati degli ugelli. La velocità di rotazione del disco portagetti, unita alla velocità di avanzamento di circa 2.5 km/h, garantisce una perfetta copertura dell’area interessata. La pressione così elevata consente la distruzione dell’infestante che emerge dal terreno e dell’apparato radicale, sminuzzando le radici fino ad una profondità di qualche centimetro. Il consumo di sola acqua a temperatura ambiente è di circa 1500 l/ha, ovvero 33cc/m. Due anni di test su vigneto inerbito (zona Valpolicella, Verona) dimostrano che con sole 2 applicazioni/anno si risolve il problema delle infestanti. I benefici principali sono: il non impiego di diserbanti e la riduzione degli interventi/anno rispetto alla lavorazione meccanica, con ottimi risultati anche in terreni con forte pendenza. L’acqua utilizzata è a temperatura ambiente e non necessariamente di acquedotto. Grasskiller è disponibile con serbatoi da 1000, 1500, 2000 l, ed è dotata di serie di sistemi di sicurezza richiesti dalla tipologia di attrezzatura. La macchina è inoltre dotata di una scatola comando per l’erogazione dell’acqua, per l’azionamento di tutti i movimenti idraulici e di un pulsante di emergenza che azzera pressione e rotazione. La testata è munita di sicurezza proximity che rileva i gradi di inclinazione per trattamenti in girappoggio. Nel caso l’inclinazione superasse i 10° il sistema interviene azzerando pressione e rotazione della testata. Disponibile su richiesta il report delle prove del C.N.R (Consiglio Nazionale della Ricerca).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome