Agrofarmaci immessi sul mercato dopo un iter legislativo di 10 anni e regolamentati secondo una normativa

Agrofarma-Federchimica: favorire la collaborazione nella filiera per una informazione corretta e scientifica

Imparare a dialogare in maniera scientifica e trasparente

Nelle ultime settimane i media hanno dato ampio spazio a notizie di estrema attualità e interesse pubblico riguardo il comparto agricolo e agroalimentare italiano, scatenando un dibattito che ha visto protagonisti diversi attori della filiera. A questo proposito Agrofarma – Associazione nazionale imprese agrofarmaci che fa parte di Federchimica – ribadisce la necessità di una informazione corretta e scientificamente provata sui temi che riguardano l’agricoltura in generale e il comparto degli agrofarmaci in particolare, settori chiave per la crescita dell’economia del paese e la tutela della salute delle persone. Gli agrofarmaci sono oggi strumenti indispensabili in agricoltura per garantire, oltre che una adeguata produttività, raccolti sani e sicuri; vengono immessi sul mercato dopo un iter legislativo di 10 anni e regolamentati secondo una normativa, quella italiana ed europea, che si conferma la più stringente a livello globale. Una volta presenti sul mercato, l’industria si spende favorendo pratiche di utilizzo sostenibile, che coniughino alle necessità produttive degli agricoltori la tutela della salute delle persone e dell’ambiente. A dimostrazione dell’attenzione legata sul territorio nazionale all’utilizzo degli agrofarmaci, l’Associazione ricorda il ruolo dei Servizi Fitosanitari Regionali, enti pubblici il cui ruolo è quello di assicurare l’applicazione sul territorio delle normative comunitarie, nazionali e regionali in materia di protezione delle piante e prevenzione dei rischi fitosanitari. Il Piano d’Azione Nazionale per l’uso sostenibile di prodotti fitosanitari in vigore prevede, inoltre, che ogni agricoltore debba dotarsi obbligatoriamente di un patentino, rilasciato a seguito di specifiche attività di formazione legate all’utilizzo dei prodotti. Agrofarma comprende che i consumatori vivono oggi una confusione data, principalmente, dalla notevole mole di informazioni che circolano sui temi dell’agricoltura, della sicurezza alimentare e della tutela dell’ambiente. Di fronte a ciò tutti gli attori della filiera sono chiamati a un atto di responsabilità e, quindi, a fare squadra e imparare a dialogare in maniera scientifica e trasparente. L’Associazione chiede il pieno coinvolgimento nel dibattito su questi temi, con i media e tutti i soggetti interessati, dando la sua disponibilità a partecipare ai tavoli di lavoro che riguardando i suoi prodotti e la formazione al loro utilizzo, e mettendo a disposizione le proprie competenze per contribuire alla risoluzione di ogni singola problematica riguardi il comparto. Ribadisce, infine, l’impegno di tutta la filiera a garantire standard di sicurezza elevati tanto per il consumatore quanto per l’ambiente, confermando il ruolo del comparto agricolo come traino dell’economia italiana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome