IL BELLO DELLA BIODIVERSITÀ IN VIGNETO – dalle acquisizioni scientifiche alla gestione viticola

    27 marzo 2018 9:00 - 17:00

    La diversità è ricchezza. Quando poi è biologica, cioè attiene alla vita, la sua importanza diventa fondamentale. La biodiversità di un vigneto risiede nell’insieme di tutte le forme di vita presenti, dal suolo con i suoi microorganismi, alla superficie con piante e animali. La biodiversità aumenta la resilienza del sistema di fronte alle avversità, anche quelle dovute al cambiamento climatico, concorre a disegnare il paesaggio e a rendere più attraenti i territori di produzione.
    Le Donne della Vite che a partire dal progetto Vino&Paesaggio iniziato a Vinitaly 2016 sostengono l’importanza della diversità paesaggistica, fanno un passo avanti ed estendono il concetto di bellezza a tutte le forme di vita che popolano il vigneto e che con esso devono stabilire un equilibrio quale espressione necessaria per una viticoltura sostenibile.
    Nella giornata – commenta Valeria Fasoli, presidente dell’Associazione nel presentare l’evento – saranno presi in esame aspetti differenti, dalle conoscenze scientifiche alla gestione viticola, strettamente collegati tra loro, in quanto non è possibile una viticoltura sostenibile senza tenere in grande considerazione la biodiversità. Per preservarla e incrementarla è necessario innanzi tutto conoscerla e misurarla”.
    In vigneto non si è mai soli. Questo è ormai chiaro e la ricerca sta indagando sul ruolo fondamentale di tutte le comunità biologiche presenti nel suolo, sulla pianta e tra i filari: nella mattinata a raccontarlo saranno eminenti ricercatori.
    La componente microbica del suolo – osserva Martina Broggio di Bluagri, sponsor della manifestazione – è un aspetto ancora poco conosciuto, ma fondamentale per la vita delle piante. Con Bluagri uniamo ricerca scientifica e sviluppo di tecnologie specifiche per la stimolazione del microbiota del terreno, con l’obiettivo di ripristinare la fertilità e la biodiversità dei suoli”.
    Dalla teoria alla pratica, nella sessione pomeridiana saranno affrontate la gestione del vigneto per incrementare la biodiversità e gli strumenti per misurala e certificarla.
    Continuando a seguire il filo conduttore rappresentato dalla bellezza, del paesaggio e della scienza – aggiunge Alessandra Biondi Bartolini, agronoma e giornalista scientifica – abbiamo organizzato, in collaborazione con BluAgri, un evento per guardare al vigneto come a un ‘sistema’ vivente, con un approccio olistico, in cui ogni elemento, biotico e abiotico, crea interazioni che non si limitano a una semplice somma dei loro effetti ma che sono da considerarsi in relazione le une con le altre”.

    Scarica qui il programma completo dell’evento

    Quote e termini per la partecipazione
    La quota comprende la partecipazione al convegno, coffee break, buffet e materiale congressuale.

    • socie/soci Donne della Vite : € 60
    • non soci: € 80

    Il modulo per la partecipazione e le modalità di pagamento sono disponibili sul sito delle Donne della Vite all’indirizzo https://www.donnedellavite.com/convegno-biodiversita
    Le iscrizioni e i relativi pagamenti dovranno pervenire all’indirizzo info@donnedellavite.com entro e non oltre il 20 marzo 2017.

    Per informazioni:
    info@donnedellavite.com
    Alessandra Biondi Bartolini 3356214023
    Segreteria 0558229627

    La partecipazione al convegno dà diritto al conseguimento dei Crediti Formativi Professionali ai fini della Formazione Continua.

    biodiversità, BluAgri, Donne della Vite

    Cantina Valpolicella Negrar

    Via Cà Salgari, 2, Negrar, Verona 37024 - Italia

    Sto caricando la mappa ....

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome