Un ulteriore passo verso la sostenibilità

Nomacorc annuncia i risultati delle analisi sul ciclo di vita dei propri prodotti

L’impegno alla crescita continua ha portato a significativi miglioramenti ambientali in tutte le categorie di impatto

Nomacorc, azienda leader nella produzione di chiusure alternative per vino, ha ultimato il suo primo studio sul ciclo di vita (LCA) del prodotto partendo dalla sua chiusura di punta Nomacorc Classic+. I risultati mostrano significativi miglioramenti di impatto ambientale tra il 2008 e il 2011 in tutte le categorie. I motivi di questi miglioramenti includono una formulazione del prodotto più efficiente, il passaggio a fornitori locali di materie prime, un miglioramento nelle spedizioni e un maggiore utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. “Questo studio mette in mostra il costante e notevole progresso che Nomacorc ha realizzato per ridurre al minimo l’impatto ambientale delle sue chiusure”, ha detto Lars von Kantzow, Presidente & CEO Nomacorc . “E dimostra anche l’impegno di Nomacorc per capire e continuare ad affrontare l’intera gamma di impatti ambientali delle nostre chiusure dal punto di vista del ciclo di vita completo”. La metodologia LCA esamina un'ampia gamma di impatti ambientali relativi ad ogni fase della produzione, utilizzo e smaltimento dei tappi Nomacorc. Lo studio è stato condotto per entrambi i principali impianti di produzione di Nomacorc, quello che si trova negli Stati Uniti e quello in Belgio, negli anni 2008 e 2011. L’obiettivo principale dello studio è la misurazione  degli impatti ambientali di ogni fase del ciclo di vita di una chiusura Classic+, dalla culla (estrazione delle materie prime), all’uscita (la distribuzione delle chiusure pronte per i clienti). Per le chiusure prodotte negli Stati Uniti, lo studio ha anche evidenziato una forte riduzione degli impatti di tutti gli indicatori ambientali tra il 2008 e il 2011 con una variazione dal 10% al 23%. Per le chiusure prodotte in Belgio nel periodo 2008 - 2011, sono stati dimostrati risultati ancora migliori, con una riduzione degli impatti che vanno dal 13% al 92%. I miglioramenti ottenuti in Belgio sono in gran parte imputabili all’acquisto da parte della società del 100% di energia eolica per alimentare l'impianto. Poiché il prodotto è consumato in moltissimi Paesi diversi, è probabile che ci siano una serie di possibili scenari di “fine vita” differenti per i tappi Nomacorc, compreso l'incenerimento, il conferimento in discarica e il riciclaggio. Pertanto, piuttosto che inserire questa parte nello studio principale, si è deciso di procedere con l’esame di tre diversi possibili percorsi di smaltimento dei prodotti attraverso un’analisi di sensibilità. “L’analisi di sensibilità ci permette di capire gli impatti ambientali associati a ogni percorso di fine vita potenziale, nonché di quantificare i benefici ambientali derivanti dal riciclaggio, che è stato dimostrato essere l’opzione di fine vita preferibile per i tappi Nomacorc”, ha detto il Dottor Olav Aagaard, principale ricercatore di Nomacorc. Nel corso degli ultimi anni, Nomacorc ha lavorato per promuovere iniziative supplementari di riciclaggio per i tappi. Attualmente, queste ultime sono disponibili in Francia, Germania e nella parte occidentale degli Stati Uniti; la società prevede di espandersi in altre aree geografiche negli anni a venire. "Questo studio avvalora ulteriormente i nostri continui sforzi per espandere i nostri programmi regionali di riciclaggio in tutto il mondo, ed è un obiettivo sul quale tutto il settore dovrebbe collaborare", ha detto il Dott. Aagaard. Lo studio LCA fornisce anche raccomandazioni per i futuri miglioramenti di sostenibilità per tutte le  linee di prodotti Nomacorc, continuando ad incrementare l’uso di energie rinnovabili e riducendo al minimo gli accessori di imballaggio, ove possibile. Nomacorc si è impegnata a proseguire nella misurazione e a comunicare le performance di sostenibilità dell’azienda. Nel 2012, Nomacorc ha pubblicato la sua prima Relazione annuale sulla Corporate Social Responsibility, rivelando prestazioni generali della società relativamente a  parametri di sostenibilità economica, ambientale e sociale per l’anno 2011. Inoltre, all’inizio di quest'anno Nomacorc ha annunciato lo sviluppo della linea Select® Bio, la prima chiusura al mondo a zero emissioni di anidride carbonica, realizzata con polimeri a base vegetale derivati dalla canna da zucchero. La serie Select® Bio sarà disponibile in commercio per la stagione di imbottigliamento 2014. Per ulteriori informazioni sui progressi e gli obiettivi di sostenibilità di Nomacorc, o per visionare il report, visitare http://www.nomacorc.com/nomacorc-sustainability.php

Richiedi maggiori informazioni















Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome