Grande successo di pubblico

John Deere scende in campo a Enovitis

In esposizione una squadra di specialisti di assoluta eccellenza

Grande successo di pubblico quello riscontrato da John Deere a Enovitis in campo (Roncade, TV – 19-20 giugno 2014). Per l’occasione John Deere, con la collaborazione delle concessionarie Dalla Vecchia Fabrizio (Vago di Lavagno – VR) e Bassan Sergio (Motta di Costabissara – VI), ha messo in campo una squadra di specialisti di assoluta eccellenza, che nei 16 ettari e 300 filari di superfici a vigneto utilizzati per i test in campo hanno sfoggiato tutte le loro doti di agilità e produttività. Ad essere impegnati nelle prove sono state infatti le punte di diamante della gamma sviluppata da John Deere per viticoltura e frutticoltura: un 5075GL, un 5090 GF e un 5100 GF. Parte della nuova gamma 5GL, grazie alla estrema compattezza e alla manovrabilità, frutto di un raggio di sterzata ridotto, insieme a un’altezza massima di soli 1282 mm, il trattore John Deere 5075GL garantisce ottime prestazioni nel lavoro all’interno di vigneti e frutteti. Un potente motore, disponibile in versione da 75 e 85 CV, una capacità di sollevamento che raggiunge le 2,6 tonnellate e una versatile gamma di distributori e PTO rendono questo modello particolarmente compatto una soluzione ideale per applicazioni specializzate. Il nuovo 5075GL è dotato di una trasmissione a trazione anteriore meccanica con 24 marce avanti e 24 indietro 4WD 40 km/h, con Hi-Lo meccanico ideale sul campo e per il trasporto. Per garantire la massima versatilità, la gamma 5GL offre fino a tre distributori meccanici. Le PTO (anteriore e posteriore) forniscono un’ampia scelta di regimi, tra cui 540/540E o 540/1.000 giri/min., ed inoltre la PTO sincronizzata. Altro punto di forza è la praticità delle dotazioni della serie 5GL, come la struttura di protezione antiribaltamento (ROPS) ripiegabile e l’altezza ridotta di parafanghi, cofano e sedile. e al raggio di sterzata ridotto, lavorare in spazi ristretti risulta estremamente agevole. Un capiente serbatoio carburante da 67 litri  consente di lavorare più a lungo tra un rifornimento e l’altro. Gli altri grandi protagonisti della due giorni trevigiana, il 5090 GF e il 5100 GF, rappresentano invece una soluzione ideale per svariate attività all’interno di frutteti o vigneti con larghezza interfilare ampia (2 – 3 m o più), contesti in cui sono in grado di offrire tutta la manovrabilità e visibilità necessarie, e una generosa erogazione di potenza della PTO – disponibile in due velocità da 540/540E e 540/1.000 giri/min. – per la gestione delle operazioni più impegnative. L’assale anteriore 4RM che equipaggia le macchine fornisce più trazione sulla barra di traino e in condizioni di fondo scivoloso; il particolare design con punto di rotazione elevato consente l’oscillazione degli assali fino a 10°, mentre i riduttori finali planetari garantiscono un efficiente scarico a terra di tutta la potenza disponibile. Disponibile in allestimento con o senza cabina in tre modelli, con motorizzazioni PowerTech M Tier III da 4,5 l con potenza nominale di 80/90/100 CV 97/68 EC e quattro diverse configurazioni di trasmissione, la Serie 5GF è dotata di sistema idraulico a centro aperto da 60 l, attacco a 3 punti di categoria IN/I/II e offre una capacità di sollevamento fino a 24 kN. Oltre alle macchine schierate in campo, nei due giorni della manifestazione John Deere ha offerto ospitalità nell’ampio stand allestito per l’occasione, dove gli specialisti di prodotto della casa hanno risposto a richieste, curiosità e domande di clienti e visitatori relative alle tecnologie e ai servizi di assistenza e supporto sviluppati dal marchio del cervo per affiancare gli utilizzatori nella gestione delle loro attività quotidiane e garantire loro massimi livelli di produttività, efficienza operativa e redditività.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome