La patria italiana del Pinot nero e anima vitivinicola della Lombardia apre le porte ai turisti

Vendemmia in Oltrepò Pavese, la vitivinicoltura è turismo

Per vacanze in scenari agresti

Quest’anno, per la prima volta in assoluto e con un respiro territoriale ampio, il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese ha scelto di animare il turismo vendemmiale in Oltrepò Pavese per far conoscere la storia e le mille virtù di un paesaggio unico, con 40 chilometri di fronte a vigneto. E’ al via Vendemmia in Oltrepò tour: per chi ha provato villaggi, residence e resort ma ora cerca vacanze in scenari agresti tra emozioni, natura, cultura, terme, sapori autentici e benessere. Oggi c’è un pacchetto turistico messo a punto dall’agenzia PromoFast, a partire da un’idea del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, per offrire a turisti fuori dal coro, a partire da 99 euro, la possibilità di assaporare, per gioco, il fascino antico e la festa della vendemmia per poi godere del paesaggio, del relax termale, della ristorazione, dei vini, dei sapori tipici e dell’intrattenimento che l’incontaminato Oltrepò Pavese è in grado di offrire. Il tutto a 60 Km da Milano; a 150 Km da Torino; a 110 Km da Genova. Il giovane direttore del Consorzio, il 34enne Emanuele Bottiroli, spiega: “E’ stata un’annata con un andamento climatico surreale, ma il caldo di questi giorni è un segnale incoraggiante e che certamente premierà gli sforzi delle oltre 2mila aziende agricole vitivinicole dell’Oltrepò Pavese. Tra pochi giorni comincerà la raccolta del Pinot nero base spumante, nelle settimane a venire si procederà con le altre uve per una vendemmia 2014 che, da qui a fine ottobre, segnerà un altro passaggio importante per una zona che fa qualità e cerca il rafforzamento della propria immagine, forte di un sistema cooperativo grande, di un arcipelago di piccoli produttori e dell’energia di tanti giovani che hanno voglia di scrivere il futuro della culla della spumantistica italiana, Metodo Classico e Metodo Charmat”. L’Oltrepò Pavese con i suoi 13mila 500 ettari vitati rappresenta un patrimonio per la Lombardia del vino e della cultura che si prepara a Expo Milano 2015. In questo mare sconfinato di vigne trovano spazio diversi vitigni ma il principe incontrastato è il Pinot nero: coltivato su circa 3 mila ettari, marchia il territorio come il più grande bacino nazionale dedicato a questa varietà. Gli altri vitigni più rappresentativi sono: Croatina, Barbera, Riesling e Moscato. Per valorizzare questo universo della vite, il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese ha presentato il suo primo piano  estero strutturato che comprende, insieme a missioni verso Stati Uniti, Cina, Russia e Svizzera, una parte importante d’investimenti per Expo, mirati alla comunicazione e all’accoglienza. CLICCA QUI PER SCARICARE LA BROCHURE PDF Vendemmia in Oltrepò tour: http://tinyurl.com/lkedp85

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome