Enoturismo: serve una cabina di regia.

Il Presidente:
Daniela Mastroberardino

Prosegue il trend di crescita del comparto enoturistico italiano. Dati alla mano, l’enoturismo rappresenta ormai da anni un vero e proprio valore aggiunto che incide in maniera significativa sui bilanci delle aziende, favorendo anche lo sviluppo di altri segmenti di mercato legati all’industria delle vacanze. Per continuare a percorrere il virtuoso cammino intrapreso necessitano, però, alcuni correttivi, come ha sottolineato Chiara Lungarotti, presidente del Movimento turismo del vino, in occasione della conferenza internazionale del turismo del vino di Perugia: “Occorre governare attraverso una cabina di regia tutte le forze in campo dell’offerta enoturistica, con strumenti unitari di promozione e di analisi del settore”. Un settore che oggi vale circa cinque miliardi di euro l’anno

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome