I risultati di uno studio condotto in Spagna

Contro la carie, meglio il vino rosso del dentifricio!

I polifenoli contrastano la proliferazione dei batteri

Appena incassata la delusione per i risultati del recente studio americano che dimostrano come il resveratrolo non sia quel toccasana che si credeva per la prevenzione delle malattie cardiocircolatorie, arriva uno studio spagnolo a farci tornare il buonumore. Ed è proprio il caso di dirlo, visto che lo studio citato ha dimostrato l’efficacia dei polifenoli del vino rosso nella prevenzione della carie e quindi nella protezione del nostro sorriso da spiacevoli sedute dentistiche. La sperimentazione, condotta da Maria Victoria Moreno-Arribas del Consiglio Nazionale di Ricerca spagnolo e pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, ha stabilito la capacità di questi componenti del vino di contrastare la proliferazione dei batteri che porta alla formazione del cosiddetto biofilm da cui deriva la placca, non rimovibile al 100% con spazzolino e dentifricio e, a lungo andare, causa di sviluppo della carie. Nella sperimentazione sono stati testati vino rosso, vino rosso senza alcol, vino + estratto di semi d’uva e acqua al 12% di etanolo: tutte le soluzioni sono risultate efficaci contro i batteri nemici dell’igiene orale.  

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome