I principali adempimenti a carico delle imprese vitivinicole, le norme di riferimento e le disposizioni applicative

Online le linee guida Icqrf per la vendemmia

Registro telematico e Testo Unico del vino tra le linee di indirizzo pubblicate sul sito Mipaaf

In occasione dell’avvio della campagna vendemmiale 2017/2018 è stato pubblicato sul sito Mipaaf il vademecum Icqrf che riassume i principali adempimenti a carico delle imprese vitivinicole, le norme di riferimento e le disposizioni applicative. Uno strumento riepilogativo e di indirizzo che ormai annualmente anticipa l’inizio della campagna e, quest’anno in particolar modo, potrà essere di specifico supporto per gli operatori del settore. Dal punto di vista disciplinare, infatti, questa vendemmia sarà contraddistinta dall’applicazione di molte disposizioni previste dal Testo Unico del vino che, entrato in vigore il 12 gennaio 2017, avrà impatto diretto sulle attività e sui processi di produzione già da questa vendemmia. Così come, ferma restando la guida rapida pubblicata sul portale Mipaaf-Sian, il vademecum tocca i punti salienti e più operativi che riguardano anche la piena applicazione del registro telematico, considerando che dal 1° luglio 2017 le operazioni vinicole devono essere registrate nelle modalità e nei termini previsti dal DM 20 marzo 2015. Tra l’altro, oltre alla ordinaria annotazione delle operazioni sul registro telematico, una prossima scadenza, prevista dal calendario UE ma a partire da quest’anno mediante un’apposita funzionalità disponibile nel sistema informatico, è la presentazione del bilancio annuo e la chiusura del registro al 31 luglio: gli operatori interessati, precisa il vademecum, dovranno infatti dichiarare la giacenza dei mosti d’uva e dei vini presenti in cantina alla mezzanotte del 31 luglio, presentando la dichiarazione nel periodo compreso tra il 1° agosto e il 10 settembre 2017, secondo le particolari modalità stabilite da AGEA o, se del caso, secondo le modalità dettate dal competente Organismo pagatore regionale.  In generale, rispetto alla gestione del registro telematico come unico strumento di contabilità di cantina, l’Icqrf, con una recente nota del 28 giugno 2017 – consultabile qui – ha spiegato che i controlli nella fase d’avvio saranno finalizzati all’accertamento delle giacenze prendendo in considerazione la sostanza delle situazioni e non la forma. Il vademecum Icqrf è disponibile qui

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome