Export di vino italiano 2017: in crescita, ma meno di quello dei diretti competitor

Denis Pantini

“Pur non essendo ancora disponibili le statistiche a tutto il 2017, gli ultimi dati sull’export di vino italiano e sulle importazioni nei principali mercati internazionali inducono a stimare una crescita di tutto rispetto per le nostre vendite oltre frontiera che, molto probabilmente, si fermeranno poco al di sotto dei 6 miliardi di euro (Wine Monitor stima circa 5,93 miliardi di euro, per la precisione), vale a dire il 6,2% in più di quanto esportato nel 2016. Tuttavia, se raffrontata a quella dei competitor, la performance dei nostri vini risulta più bassa, specialmente rispetto a quanto registrato dai francesi (quasi +10%, con un valore di export che per la prima volta ha sfondato il muro dei 9 miliardi di euro) e dagli australiani (+15%, quasi 2 miliardi di euro). Al contrario, l’Italia enoica ha fatto meglio della Nuova Zelanda (+4,3%) e in linea a quanto messo a segno dal Cile (+6,3%), mentre con tutta probabilità risulterà di poco inferiore alla crescita della Spagna (+6,7%). Alla luce di queste performance e della significativa ripresa del commercio internazionale di vino, che nell’anno appena trascorso dovrebbe essere cresciuto di oltre 7 punti percentuali, l’unico
rimprovero che può essere fatto al vino italiano è quello di non aver cavalcato appieno quest’onda, al pari dei cugini francesi che hanno potuto contare su una ripresa degli Champagne (+7,5%) e, al traino, dei loro vini fermi (+11,5%), o degli australiani che devono però la gran parte del successo del 2017 alla spinta propulsiva venuta dalla Cina, anche grazie all’accordo di libero scambio che permette loro di entrare in questo grande e competitivo mercato a un dazio ridotto (5,6%, che si annullerà completamente nel 2019) rispetto al 14% che invece pagano alla frontiera cinese i vini italiani”.

Denis Pantini
Responsabile Nomisma Wine Monitor

Commento a Editoriale VVQ 2, Marzo 2018

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome