Ogni anno gli incendi estivi erodono parte della superficie vitata nel mondo

Al fuoco!

Gli effetti sulla composizione delle uve e gli accorgimenti da adottare in vinificazione per evitare lo smoke taint

Un'altra estate si è appena conclusa e presto arriveranno le stime della superficie che anche quest’anno è andata a fuoco, colpita dagli incendi boschivi e non solo. Ai grandi e drammatici eventi della Grecia si aggiungeranno gli ettari che in Italia e nelle altre regioni del mondo erodono ogni anno territori forestali e rurali, senza risparmiare le regioni viticole. Sono ancora una volta i cambiamenti climatici che, per le condizioni progressivamente più calde e siccitose, facilitano lo sviluppo dei fuochi e che, insieme a una serie di altri fattori (la diffusione degli insetti e dei venti, ad esempio) portano all’alterazione degli ecosistemi forestali e rurali.
Sebbene l’Italia sia nel bacino del Mediterraneo tra le regioni più colpite dal fuoco (nel solo 2017 sono bruciati nel nostro paese 141.000 ettari di boschi) e il frazionamento fondiario ponga in tutte le zone viticole aree boschive e vigneti a stretto contatto, le relazioni tra gli incendi e i danni qualitativi, strutturali ed economici per il settore vitivinicolo sono state scarsamente approfondite e i dati non sono disponibili.
I primi a studiare gli effetti del fumo e degli incendi sulla qualità delle uve e dei vini, a partire dal 2003, sono stati i ricercatori australiani - alcune regioni australiane sono colpite in modo particolare da incendi ricorrenti e talvolta programmati - che negli anni hanno sviluppato linee guida e decaloghi di best practice per stimare e gestire i danni sulla qualità dei vini e sui vigneti (Jiranek, 2011, Krstic et al., 2015).
Dalla pirolisi delle lignine si sviluppano quantità consistenti di fenoli volatili come guaiacolo, 4 metil guaiacolo, siringolo e orto, para o meta cresolo, che trasportati dal fumo sono facilmente assorbiti dalle foglie e dai grappoli, per essere poi rapidamente legati a uno zucchero, mono o disaccaride, e divenire più solubili e trasportabili negli organi della vite (Jiranek, 2011).
L’accumulo dei glicosidi dei fenoli volatili negli acini, dove si localizzano principalmente all’interno delle bucce, dipende dalla densità del fumo, dal tempo di esposizione e dalla fase fenologica di sviluppo del grappolo e del germoglio al momento dell’incendio. Gli studi hanno infatti dimostrato che il rischio di presenza di fenoli volatili nelle uve cresce con l’avanzamento della maturazione ed è massimo nel periodo che va dall’invaiatura fino alla raccolta (Kennison et al., 2009).

L'ARTICOLO COMPLETO A FIRMA DI ALESSANDRA BIONDI BARTOLINI E' PUBBLICATO A PAGINA 50 DI VVQ 7/2018 - OTTOBRE

Bibliografia

Fudge, A.L., Ristic, R., Wollan, D. and Wilkinson, K.L. (2011) Amelioration of smoke taint in wine by reverse osmosis and solid phase adsorption. Australian Journal of Grape and Wine Research 17, S41–S48.
JIRANEK, V. (2011), Smoke taint compounds in wine: nature, origin, measurement and amelioration of affected wines. Australian Journal of Grape and Wine Research, 17: S2-S4. doi:10.1111/j.1755-0238.2011.00154.x
Katja Härtl, Fong-Chin Huang, Ashok P. Giri, Katrin Franz-Oberdorf, Johanna Frotscher, Yang Shao, Thomas Hoffmann, and Wilfried Schwab. Glucosylation of Smoke-Derived Volatiles in Grapevine (Vitis vinifera) is Catalyzed by a Promiscuous Resveratrol/Guaiacol Glucosyltransferase - Journal of Agricultural and Food Chemistry 2017 65 (28), 5681-5689
Kelly, D. , Zerihun, A. , Hayasaka, Y. and Gibberd, M. (2014), Uptake of smoke‐borne phenols in grapes and wines. Australian Journal of Grape and Wine Research, 20: 386-393. doi:10.1111/ajgw.12089
Kennison, K.R., Wilkinson, K.L., Pollnitz, A.P., Williams, H.G. and Gibberd, M.R. (2009) Effect of timing and duration of grapevine exposure to smoke on the composition and sensory properties of wine. Australian Journal of Grape and Wine Research 15, 228–237.
Krstic, M. , Johnson, D. and Herderich, M. (2015), Review of smoke taint in wine. Australian Journal of Grape and Wine Research, 21: 537-553. doi:10.1111/ajgw.12183
Matthew Noestheden, Eric G. Dennis, and Wesley F. Zandberg Quantitating Volatile Phenols in Cabernet Franc Berries and Wine after On-Vine Exposure to Smoke from a Simulated Forest Fire
Journal of Agricultural and Food Chemistry 2018 66 (3), 695-703 DOI: 10.1021/acs.jafc.7b04946
Noestheden, Thiessen, Dennis, Tiet, and Zandberg (2017) Quantitating Organoleptic Volatile Phenols in Smoke-Exposed Vitis vinifera Berries Journal of Agricultural and Food Chemistry 2017 65 (38), pp 8418–8425
Ristic, R., Osidacz, P., Pinchbeck, K.A., Hayasaka, Y., Fudge, A.L. and Wilkinson, K.L. (2011) The effect of winemaking techniques on the intensity of smoke taint in wine. Australian Journal of Grape and Wine Research 17, S29–S40.
Singh, D.P., Chong, H., Pitt, K.M., Cleary, M., Dokoozlian, N.K. and Downey, M. (2011) Guaiacol and 4‐methylguaiacol accumulate in wines made from smoke‐affected fruit because of hydrolysis of their conjugates. Australian Journal of Grape and Wine Research 17, S13–S21.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome